Eventi
Presentazione di libri
 
un programma di: Gioacchino Onorati
Video per pagina:           
Presentazione di libri n. 622

NON PERDERE LA TESTA
12 aprile 2019 | Libreria Pagina 348viale Cesare Pavese, 34800144 Roma
Coraggio, passione, lucidità e poesia, potrebbe sintetizzarsi così “Non perdere la testa”, il libro scritto da Silvia Bove per Aracne Editrice, presentato venerdì 12 aprile 2019 alla libreria Pagina 348 di Viale Cesare Pavese, a Roma. Il libro racconta il disagio psichico di questa venticinquenne che ama la musica, la pittura, ma scrive per l'urgenza di raccontare come è la vita dei “matti” ai cosiddetti normali. Con grande schiettezza Silvia racconta la sua esperienza fuori e dentro la clinica: senza perdere mai la tenerezza e lo stupore per la grazia del vivere; portando il lettore nel suo mondo, tra i ragazzi del “repartino", dove trapela empatia e solidarietà; nelle ore trascorse con la famiglia e le amiche d'infanzia che arrivano a spezzare la monotonia di quel posto tanto noioso quanto sicuro. Un rifugio popolato da dottori amorevoli e dalle visite inattese di un Topolino indisponente. Nel dialogo avuto con il giornalista Virgilio Bartolucci, Silvia Bove oltre a testimoniare la delicatezza e sensibilità che permea il suo libro, ha spiegato cosa significhi per lei la sua condizione e cosa si provi ad affrontare lo sguardo di chi si rapporta alla sua realtà con un misto di paura e superiorità. Il suo percorso di permanenza in clinica si snoda di giorno in giorno attraverso un racconto a tratti duro e dolce, cupo e colorato, a seconda dei momenti che compongono le giornate e l’animo della protagonista di “Non perdere la testa", il felicissimo esordio letterario di Silvia Bove, edito da Aracne Editrice.
+
Presentazione di libri n. 607

UN TASSISTA A BAKU
26 febbraio 2019 | Sala della LupaPalazzo MontecitorioCamera dei deputatiRoma
Si è svolta martedì 26 febbraio 2019, alla Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio, presso la Camera dei deputati, la presentazione del romanzo d'esordio di Barbara Cassani dal titolo "Un tassista a Baku. Le storie di Kamala", edito da Aracne per i "Fuoricollana". Attraverso gli intrecci tra i membri di una famiglia, tra Baku e Roma, l'autrice descrive in modo sottile tradizioni, luoghi e pezzi di storia del Paese caucasico, dove tra edifici moderni, alternati a testimonianze di antichità in cambiamento costante, si incrociano storie e si tessono legami. Ma è anche la storia del dolore e del vuoto causati dal terribile conflitto tra l’Armenia e l’Azerbaigian per la regione del Nagorno Karabakh, quando nella notte tra il 25 e il 26 febbraio del 1992, nella cittadina di Khojaly, furono uccise 613 persone, compresi 106 donne e 63 bambini. Un tragico evento per il quale l’Azerbaigian chiede il riconoscimento internazionale di “genocidio”. L'evento di presentazione è stato introdotto e moderato dall'On. Giovanni RUSSO, Componente della Commissione Difesa alla Camera dei deputati. Insieme all'autrice, Barbara CASSANI, giornalista e ufficio stampa dell'Ambasciata della Repubblica dell'Azerbaigian in Italia, e all'editore di Aracne, Gioacchino ONORATI, sono intervenuti: l'Ambasciatore dell'Azerbaigian in Italia, Mammad AHMADZADA; l'On. Rossana Lidia BOLDI, Presidente dell’Associazione di Amicizia Interparlamentare Italia-Azerbaijan; il prof. Daniel POMMIER VINCELLI, docente di sociologia politica alla Sapienza Università di Roma, accompagnati dalle letture dell'attore Roberto TURCHETTA. I tragici eventi di Khojaly sono stati ripercorsi nella toccante testimonianza di Durdana AGHAYEVA, sopravvissuta all'eccidio del 1992, che ha commosso i partecipanti con il racconto dell’esperienza vissuta durante la prigionia armena, tradotta da Maryam MEHDIYEVA. Al termine della presentazione è stato proiettato il video “Back to Home”, ispirato ai massacri compiuti nella cittadina di Khojaly.All'evento di presentazione hanno partecipato rappresentanti del mondo politico, del corpo diplomatico accreditato a Roma, esponenti del settore accademico, intellettuale, culturale e della comunicazione, insieme a numerosi studenti azerbaigiani in Italia.
+
Presentazione di libri n. 605

UN VOLO D’AQUILONI
23 febbraio 2019 | Caffè Letterario, Roma
Si è svolta a Roma, sabato 23 febbraio 2019, presso il “Caffè letterario” di Via Ostiense, la presentazione del libro di Rosanna Sabatini “Un volo d’aquiloni”, edito da Thyrus edizioni. Un evento in forma di spettacolo multidisciplinare e multimediale, che ha intrattenuto il pubblico spaziando tra letteratura, arte, teatro. Il libro di Rosanna Sabatini è una raccolta di quattro racconti, in parte autobiografici, legati dalla passione civile della scrittrice nell’affrontare i temi delle donne di oggi e dall’amore per Roma, dipinta nelle sue trasformazioni urbane, ma anche sociali e antropologiche, dagli anni ’50 ad oggi. Il libro di Rosanna Sabatini “Un volo d’aquiloni” è stato presentato con il coordinamento generale di Cinzia Baldazzi, giornalista e critico letterario, la partecipazione di Claudio Camerini e Fabrizio Federici, che hanno dialogato con l'autrice, e con la presenza di tanti ospiti.Sul palco del “Caffè letterario” si sono avvicendati i protagonisti di un reading poetico (Umberto Di Pietro, Luciana Zaccarini, Mapi, Donatella Calì, Alessandro Ristori, Saveria Balbi, Maurizio Pochesci, Massimo Moraldi, Abner Tomas Viera Quezada) e gli attori Donatella Belli e Tony Fusaro, con performance di teatro e musica. Il cantante Giampiero Del Buono, Roberta Murzilli e i suoi allievi del corso di teatro “Il palco delle gioie” si sono esibiti con brani indimenticabili degli anni ’60 e ’70 (da “Ciao, amore, ciao” di Luigi Tenco a “Roma nun fà la stupida stasera”). E, ancora, ad allietare la platea, i versi del poeta Mario Sista sullo sfondo delle opere esposte da Flavia Polverini, Donatella Calì e Maurizio Pochesci.
+
Presentazione di libri n. 601

IL MIO AMICO NET
24 gennaio 2019 | Policlinico Universitario “Agostino Gemelli”, Roma
Si è svolta a Roma, giovedì 24 gennaio 2019, presso il Policlinico Universitario “Agostino Gemelli”, la presentazione del libro dal titolo "Il mio amico NET" scritto a quattro mani dal giornalista e vicedirettore del TG5 Andrea Pamparana e dal dott. Antonio Bianchi, specialista in endocrinologia e docente all'Università Cattolica del Sacro Cuore.Il libro, pubblicato da Aracne editrice nella collana Biografie, è il racconto di un'esperienza clinica e degli sforzi per combattere una rara forma di tumore neuroendocrino, il NET. Scoprire di avere una malattia rappresenta il passaggio da un modo di pensare la propria vita a un altro completamente opposto, con i suoi corollari di ansia e sofferenza. L'appuntamento, moderato dal giornalista e conduttore televisivo Luciano Onder, si è svolto all'interno della rassegna letteraria “Ci Leggiamo al Gemelli”, progetto caratterizzato da una serie di stimolanti incontri ospitati nella hall del Policlinico.All'evento di presentazione, insieme agli autori del libro, sono intervenuti: il prefatore del libro, prof. Alfredo Pontecorvi, Direttore della I Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, e Direttore del Dottorato di Ricerca in Scienze Endocrinologiche ed Endocrino-Chirurgiche Sperimentali presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore; il prof. Guido Rindi, Direttore del Servizio di Istopatologia e Citodiagnosi al Policlinico Universitario “Agostino Gemelli” e docente all'Università Cattolica del Sacro Cuore; e la prof.ssa Paola Tomassetti.
+
Presentazione di libri n. 600

IL MIO AMICO NET
24 gennaio 2019 | Policlinico Universitario “Agostino Gemelli”, Roma
Si è svolta a Roma, giovedì 24 gennaio 2019, presso il Policlinico Universitario “Agostino Gemelli”, la presentazione del libro dal titolo "Il mio amico NET" scritto a quattro mani dal giornalista e vicedirettore del TG5 Andrea Pamparana e dal dott. Antonio Bianchi, specialista in endocrinologia e docente all'Università Cattolica del Sacro Cuore.Il libro, pubblicato da Aracne editrice nella collana Biografie, è il racconto di un'esperienza clinica e degli sforzi per combattere una rara forma di tumore neuroendocrino, il NET. Scoprire di avere una malattia rappresenta il passaggio da un modo di pensare la propria vita a un altro completamente opposto, con i suoi corollari di ansia e sofferenza. L'appuntamento, moderato dal giornalista e conduttore televisivo Luciano Onder, si è svolto all'interno della rassegna letteraria “Ci Leggiamo al Gemelli”, progetto caratterizzato da una serie di stimolanti incontri ospitati nella hall del Policlinico.All'evento di presentazione, insieme agli autori del libro, sono intervenuti: il prefatore del libro, prof. Alfredo Pontecorvi, Direttore della I Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo, e Direttore del Dottorato di Ricerca in Scienze Endocrinologiche ed Endocrino-Chirurgiche Sperimentali presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore; il prof. Guido Rindi, Direttore del Servizio di Istopatologia e Citodiagnosi al Policlinico Universitario “Agostino Gemelli” e docente all'Università Cattolica del Sacro Cuore; e la prof.ssa Paola Tomassetti.
+
Presentazione di libri n. 598

SEI MIA
8 dicembre 2018 | Sala VegaRoma Convention Center “La Nuvola”viale Asia, 4400144 Roma
Sabato 8 dicembre 2018, nella Sala Vega del Roma Convention Center “La Nuvola” di viale Asia, nel quartiere Eur di Roma, si è svolta la presentazione del libro “Sei Mia”, scritto da Eleonora De Nardis per la Bordeaux Edizioni.L’appuntamento è stato organizzato all’interno di “Più Libri Più Liberi”, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, una convention di massima importanza per l’industria editoriale italiana e non solo.Presente la giornalista tv e scrittrice Eleonora De Nardis, all’esordio con “Sei Mia. Un amore violento”, un libro molto intenso, in cui l’amore passionale tra un uomo e una donna si trasformerà a poco a poco in un incubo di vessazioni e violenze che costringerà la vittima ad un gesto estremo per fuggire al suo carnefice ed al ruolo già scritto di agnello sacrificale.A dialogare con l’autrice il giornalista e conduttore televisivo e radiofonico, Andrea VIANELLO, vicedirettore di Rai 1 e già direttore di Rai 3, che ha moderato l’evento Tra gli ospiti la giornalista Marta BONAFONI, consigliere della Regione Lazio e capogruppo della Lista Civica ZingarettiPresente al tavolo la professoressa Fiorenza TARICONE premiata a livello nazionale e internazionale per gli studi nel settore delle Pari Opportunità e membro del comitato scientifico della collana pubblicata da Aracne Editrice “Le donne nella Storia”Delle forti tematiche del libro ha parlato anche la professoressa e giurista informatica, Elena LUVISO, alcuni brani di “Sei Mia”di Eleonora De Nardis, sono stati letti dall’attrice Valentina OLLA e dal noto attore Valerio APREA, protagonista di “Smetto quando voglio”e tanti altri film di successo.
+
Presentazione di libri n. 581

IL PALAZZO DI VENEZIA
13 novembre 2018 | Circolo degli EsteriMinistero degli Affari Esterilungotevere dell’Acqua Acetosa, 4200197 Roma
Martedì 13 novembre 2018, al Circolo degli Esteri presso il Ministero degli Affari Esteri sul lungotevere dell’Acqua Acetosa, a Roma è stato presentato il libro ““Il Palazzo di Venezia a Istanbul. Residenza dell’ambasciatore d’Italia”, edizioni Carlo Colombo. Si tratta dell’ultimo libro a cura dell’ambasciatore Gaetano Cortese che coordina la collezione dedicata alle più prestigiose rappresentanze diplomatiche italiane, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare il patrimonio architettonico ed artistico delle proprietà demaniali dello Stato italiano all’estero.Il testo realizzato in occasione del solenne centenario del Palazzo di Venezia si avvale di importanti contributi di studiosi e alti diplomatici e racconta la storia del palazzo, sede diplomatica della Serenissima Repubblica di Venezia nell'Impero Ottomano ripercorrendo l'evolversi delle relazioni diplomatiche tra Italia e Turchia fino ai nostri giorni. L’introduzione è stata affidata al vice direttore dell’ANSA, Stefano Polli, a dare il via agli interventi è stato l’ambasciatore Umberto Vattani che ha elencato i principali punti di interesse del volume allargando il discorso al ruolo odierno della Turchia ad intervenire anche Carlo Marsili già ambasciatore in Turchia che ha contribuito alla stesura del volume. A tracciare una ricostruzione storica dei rapporti tra la Serenissima e il Sublime Stato Ottomano il professore di storia contemporanea e relazioni internazionali presso la Luiss Guido carli di Roma, Francesco Perfetti, già capo dell’archivio storico del ministero degli Affari Esteri, tra gli autori del testo. Subito dopo ha preso la parola l’ambasciatore Gaetano CORTESE autore e curatore del volume. Ad intervenire anche Giovanni Battista COLOMBO continuatore delle edizioni Carlo Colombo, la Casa Editrice fondata da suo nonno azienda particolarmente legata a Roma e tipografia della Camera dei Deputati.
+
Presentazione di libri n. 579

LEGALITÀ ED EFFICIENZA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
31 ottobre 2018 | Sala Aldo MoroPalazzo MontecitorioCamera dei deputati, Romapiazza di Monte Citorio, 100186 Roma
Mercoledì 31 ottobre 2018, nella Sala Aldo Moro della Camera dei deputati, in piazza di Monte Citorio, a Roma è stato presentato il libro “Etica, legalità ed efficienza nella Pubblica Amministrazione. Dall’esempio di Vitantonio De Bellis ai più recenti orientamenti”, un testo che dato il livello e l’autorevolezza dei contributi, da un lato si pone come un compendio fondamentale per quanti incarnano e formano la Pubblica Amministrazione e per tutti coloro che con l’amministrazione pubblica lavorano o ambiscono a lavorare; dall’altro, grazie alla chiarezza ed alla concretezza dei casi citati costituisce uno strumento utilissimo per comprendere come si muove la macchina statale.Il libro si apre sulla singolare figura di Vitantonio De Bellis, integerrimo Ragioniere Generale dello Stato dal 1919 al 1932, considerato uno tra i migliori servitori dello Stato di sempre. Un uomo che è riuscito a coniugare al suo ruolo di altissimo burocrate i massimi valori etici, la difesa strenua della legalità garantendo sempre la perfetta efficienza della Pubblica amministrazione .La seconda parte del volume raccoglie le testimonianze di magistrati, avvocati, studiosi e grandi personalità impegnate, a diverso titolo, nel difendere e promuovere la legalità e l’efficienza dell’amministrazione: un racconto di fatti che descrive le relazioni comportamentali interne ed esterne alla galassia della Pubblica Amministrazione tratteggiando una visione per molti versi innovativa delle stesse.Tanti gli interventi di rilievo, a cominciare da quello del deputato del movimento 5 Stelle, Paolo LATTANZIO, Componente della VII Commissione (Cultura, scienza e istruzione) della Camera dei deputati.Tra i relatori anche il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia Francesco BASENTINI.Per il Consiglio Nazionale Forense è intervenuta anche l’avvocato Anna LOSURDO. A moderare gli interventi il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi A. Moro di Bari, Antonio Felice URICCHIO.Tra le tante personalità intervenute anche il dottor Gioacchino ONORATI, fondatore ed editore della Aracne Editrice a cui va il merito di aver pubblicato un’opera di così alto livello.Presenti in sala anche i tre autori di “Etica, legalità ed efficienza nella Pubblica Amministrazione”: a cominciare dal professore di Economia aziendale all’Università degli Studi di Foggia, Nunzio ANGIOLA, direttore dell’OLAP, l’Osservatorio-Laboratorio sulle Amministrazioni Pubbliche della stessa università.Al tavolo anche l’altro autore del volume, il direttore della Ragioneria Territoriale dello Stato di Bari, Giuseppe MONGELLI, dirigente del Ministero dell’Economia e delle Finanze e componente del comitato scientifico per la Formazione della Ragioneria Generale dello Stato e di altri organismi e gruppi di lavoro ministeriali.Presente anche lo scrittore ed avvocato Enzo VARRICCHIO che con Angiola e Mongelli ha dato vita al testo pubblicato da Aracne Editrice.Altro intervento di rilievo quello di Francesco CASSANO presidente della Corte d’Appello di Bari.Per l’amministrazione scolastica ha preso la parola anche Angela BORRELLI direttore dell’istituto Alpi-Montale di Rutigliano, presente anche Mary TROIANO docente di economia aziendale all’istituto Alpi-Montale di Rutigliano.
+
Presentazione di libri n. 578

OMEOPATIA COSTITUZIONALE DINAMICA
24 ottobre 2018 | Salone “Emidio Spogli”Istituto Internazionale di Teologia Pastorale Sanitaria - Camillianum, Romalargo Ottorino Respighi, 600135 Roma
Mercoledì 24 ottobre nel salone "Emidio Spogli", all'interno dell'Istituto Internazionale di Teologia Pastorale Sanitaria Camillianum di Largo Ottorino Respighi a Roma, è stato presentato il libro di Domenico BARTOLLINO e Pietro MAGLIOZZI, Omeopatia costituzionale dinamica edito dall'Aracne editrice. Un volume che tratta con un nuovo approccio, una pratica antichissima che non smette di stupire per le potenzialità che mostra costantemente di avere. Snobbata per anni dalla medicina tradizionale, oggi lo studio dell’omeopatia ha permesso di sottolineare la complementarietà rispetto al sapere medico e alla comprensione integrale della persona malata e dell’evoluzione del suo male, in modo tale di aiutarla anche dal punto di vista psicologico, sociale, pedagogico, spirituale e religioso. Un testo portatore di un nuovo sapere medico e antropologico che permette di ritornare alla persona dopo più di due secoli in cui si è studiato soltanto la malattia.La presentazione del volume è stata curata dal dottor Gioacchino ONORATI, fondatore ed editore dell’Aracne editrice.Ad aprire gli interventi degli ospiti in sala è stato il reverendo Juan Javier FLORES ARCAS OSB, rettore magnifico del Pontificio Ateneo di Sant’Anselmo. Subito dopo hanno preso la parola gli autori del libro Omeopatia costituzionale dinamica, ad intervenire per primo è stato il dottor Domenico BARTOLLINO, medico di medicina generale ed omeopata clinico costituzionale dinamico, che ha discusso degli aspetti clinico – biografici dell’omeopatia. A seguire l’altro autore del libro, padre Pietro MAGLIOZZI, religioso dei ministri degli infermi, i Camilliani, medico e teologo pastoralista della salute, che si soffermato sugli aspetti antropologico-medici e teologico-pastorali.In merito ai temi trattati è intervenuto anche lo psicologo Pasquale TRIPEPI.Sugli aspetti socio-culurali dell’omeopatia, si è incentrato invece l’intervento di Suor Cristina DE NICOLA, delle Suore di Carità delle Sante Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa dette di Maria Bambina, responsabile della Clinica Zucchi Hospice, è autrice di monografie e numerosi saggi.
+
Presentazione di libri n. 577

INTERPRETAZIONE DELLA LEGGE CON MODELLI MATEMATICI
19 ottobre 2018 | Sala IgeaIstituto dell’Enciclopedia Italiana “Giovanni Treccani”, Romapiazza dell’Enciclopedia italiana, 400186 Roma
Venerdì 19 ottobre 2018, nella Sala Igea dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana “Giovanni Treccani”, in piazza dell’Enciclopedia italiana, a Roma, è stato presentato il libro “Interpretazione della legge con modelli matematici”, del professore e avvocato Luigi Viola, edito da Diritto Avanzato Edizioni. Un testo rivoluzionario, brillante e per certi versi spiazzante, che si pone a cavallo tra la scienza e il diritto. Accolto con enorme entusiasmo dalla comunità scientifica, il libro del professor Viola ha venduto migliaia e migliaia di copie ed ha sollevato un interesse senza pari in Italia ed all’estero, dove è stato tradotto in tante lingue diverse. Un algoritmo alla base di un approccio logico e di una giustizia predittiva, il testo di Luigi Viola si è meritato un primo posto nelle classifiche del Corriere della Sera, ma soprattutto l’unanime considerazione di essere una possibile scoperta capace di aprire nuove frontiere all’innovazione mettendo l’efficacia di una formula matematica al servizio del diritto. Ad introdurre l’incontro la presidente del Tribunale di Latina Caterina CHIARAVALLOTI.A moderare il tavolo il magistrato assistente di studio presso la Corte Costituzionale Stefano AMORE.Subito dopo, alla presenza del professore e avvocato Luigi VIOLA autore di “Interpretazione della legge con modelli matematici”, una serie di professionisti e giuristi di grande esperienza hanno dato vita ad interventi di altissimo spessore. In apertura la relazione dell’avvocato Pietro CHIOFALO D.G. Advisory Board e R.I. presso la camera dei deputati.Dei temi trattati ha discusso anche Giuseppe BUFFONE magistrato addetto alla Direzione Generale della Giustizia Civile del Ministero della Giustizia. Subito dopo è intervenuto l’avvocato all’ufficio di Presidenza della Camera dei Deputati Marco SCIALDONE .Altro intervento significativo quello del professor Piero SANDULLI ordinario di diritto processuale civileAl termine è stata la volta del magistrato Valerio DE GIOIA.Dei temi in oggetto ha parlato anche l’avvocato dello Stato, Andrea GIORDANO. Subito dopo ha parlato il professore di Diritto Privato Michele FILIPPELLI.A prendere la parola anche l’Interprete, Traduttrice e Docente Jasna GERIC . A prendere la parola anche Franco BAIETTI, già Presidente del Tribunale di Sondrio e profondo conoscitore di informatica giuridica.Le conclusioni sono state affidate al magistrato Stefano SCHIRÒ presidente Prima sezione civile della Suprema corte di Cassazione.
+
Presentazione di libri n. 576

IDEA DONNA
15 ottobre 2018 | Casa Internazionale delle Donne, Romavia della Lungara, 19 (Palazzo del Buon Pastore)00165 Roma
Lunedì 15 ottobre 2018, alla Casa Internazionale delle Donne, divia della Lungara, a Roma si è svolta la presentazione del libro Idea donna, scritto da Leonardo DINI per Aracne Editrice. Un viaggio nell’universo femminile per come si presenta oggi nel nostro pianeta. Unito ad una lucida analisi storica della controversa e contrastata evoluzione del pensiero femminile dall’antichità fino ai giorni nostri. Leonardo Dini parte dall’ingiustizia che permea la differenza di diritti e doveri tra donne e uomini in Africa, Asia, Sudamerica, Oceania ed Europa notando come, in un’epoca in cui il women enpowerment entra a far parte degli obiettivi ONU e dei movimenti civili di tutto il mondo, in molte regioni del pianeta gran parte delle donne viva tuttora una condizione minoritaria.Una condizione subordinata a rapporti sociali neomaschilisti o postpatriarcali, acuita dal peso dell’integralismo religioso e da una sessuofobia e misoginia che, non senza sorpresa, si ritrova anche nella parte più intellettuale ed evoluta del mondo, come testimoniano Schopenhauer, Leopardi e Kant .Ad aprire l’incontro la grande scrittrice, poetessa, saggista, drammaturga e sceneggiatrice, Dacia MARAINI, che alle donne ha dedicato tanta parte delle sue opere. A seguire il soprano Italo-Argentino Mariana ALTAMIRA ha letto alcuni passi del libro Idea Donna di Leonardo DINI. Al termine della lettura ha preso la parola anche l’esperta di relazioni internazionali Stella BELAK. A concludere l’evento lo studioso e saggista di filosofia della scienza e filosofia del diritto, Leonardo DINI, membro del Comitato Liberal Pd, di Area Dem ed è dirigente dell’ANPI, autore del libro Idea Donna, edito da Aracne Editrice.
+
Presentazione di libri n. 574

L’ENIGMA DELL’ALFABETO ARMENO TRA VISIONE E REALTÀ
29 settembre 2018 | Accademia di Scienze Umane e Sociali, Roma
Sabato 29 settembre 2018, all’ASUS, l’Accademia di Scienze Umane e Sociali, in viale Alessandro Manzoni, a Roma è stato presentato il libro “L’enigma dell’alfabeto armeno tra visione e realtà”, edito da Aracne Editrice.Una raccolta degli atti del seminario omonimo organizzato da “tenera mente onlus” e “Assoarmeni” il 9 gennaio 2016, all’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi di Roma, in collaborazione con l’ambasciata armena.Un libro che non vuole solo rendere omaggio alla cultura armena ed alle particolarità del suo alfabeto, quanto ricordare la grandezza di un popolo che ha sempre rispettato i paesi ospitanti schierandosi dalla parte della pace, nonostante una storia millenaria costellata da continue persecuzioni e dall’orrore del genocidio.A presentare il libro una serie di ospiti di primo pano a cominciare dal filosofo Gaspare MURA, autore di oltre cento pubblicazioni, Professore alla Facoltà di Filosofia della Pontificia Università Urbaniana e docente di Ermeneutica filosofica presso la Pontificia Università Lateranense. Socio fondatore e Presidente dell' A.S.U.S., l’Accademia di scienze umane e sociali di Roma, che ha ospitato l’evento.A prendere la parola anche l’attrice e scrittrice Laura EPHRIKIAN, che aveva già raccontato la storia della sua famiglia, attraverso la vicenda dei propri nonni.Sul senso più profondo dell’alfabeto armeno significativo l’intervento della psicologa e grafologa Anna Rita GUAITOLIAl tavolo anche la dottoressa Seta MARTAYAN, nata in libano da genitori armeni fuggiti a Beirut, fondatrice e presidente onorario di Assoarmeni.A seguire anche l’intervento Enrica BALDI, grafologa, membro del direttivo di “Assoarmeni” e fondatrice e presidente di “tenera mente onlus”.
+