Eventi
un programma di: Gioacchino Onorati
Video per pagina:           
Convegno n. 520

IN RICORDO DI MANOLO BOLOGNINI
16 febbraio 2018 | Sala del MappamondoPalazzo MontecitorioCamera dei deputati piazza Monte Citorio, 100186 Roma
Convegno n. 517

DALLA FABBRICA ICONA ALLA URBAN FACTORY
14 febbraio 2018 | Aula MagnaDipartimento di Storia, Disegno e Restauro dell’ArchitetturaFacoltà di ArchitetturaUniversità La Sapienza piazza Borghese, 9 (I piano)00186 Roma
Presentazione di libri n. 515

IL PECCATO E IL TRIBUTO
19 marzo 2018 | Sala Alessandrina Archivio di Stato corso Rinascimento, 4000186 Roma
Convegno n. 509

LO SCENARIO DELLA STRATEGY SKILL AGENDA: NUOVE SFIDE PER L’UNIVERSITÀ
30 gennaio 2018 | Aula Claudio Volpi via Milazzo, 11/B00185 Roma
Si è svolto il 30 gennaio 2018 nell’aula Claudio Volpi, il convegno organizzato dal Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli studi di Roma Tre, dedicato al delicato rapporto tra Università e il mondo del lavoro e intitolato: lo scenario della strategy skill agenda: nuove sfide per l’università.Dopo i saluti istituzionali affidati al direttore del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Roma Tre, Laura Chiappetta Cajola, e coordinatore del scientifico del CREIFOS, Centro di ricerca sull’educazione interculturale e la formazione allo sviluppo, Massimiliano Fiorucci, professore di pedagogia sociale e interculturale, sono iniziati gli interventi. A prendere la parola è stata Giuditta Alessandrini professoressa di pedagogia generale e sociale, Angelo Del Cimmuto, ricercatore ANPAL, l’agenzia nazionale per le politiche attive dl lavoro, unico esperto non interno all’ateneo capitolino, la professoressa Laura Agneni, coordinatrice del tirocinio della formazione presso la Facoltà di Scienze della Formazione, e il commissario straordinario di Laziodisu, ente pubblico per il diritto allo studio universitario e direttore esecutivo della società Capitale Lavoro Spa, Carmelo Ursino , docente presso la Facoltà di Scienze della Formazione di Roma Tre e presso la Facoltà di Sociologia dell’università Sapienza di Roma.Altro intervento molto apprezzato è stato quello di Fabio Manca, economista el mercato del lavoro in convenzione con l’OCSE, organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico che si occupa di lavoro e affari sociali.
+
Convegno n. 506

IL LINGUAGGIO DELLA VIOLENZA
26 gennaio 2018 | Sala del RefettorioPalazzo San MacutoCamera dei deputati via del Seminario, 7600186 Roma
“Come arricchire e migliorare il linguaggio nella trattazione mediatica di argomenti sensibili”. Un tema molto critico, quanto mai attuale e stimolante ma anche scomodo per un Corso di formazione professionale riservato ai Giornalisti. Negli ultimi anni le notizie false sono esplose: parlano di minacce costanti e usano tecniche precise. Per ragioni di guadagno economico e per motivi ideologici, siti specifici le creano e spesso grandi testate italiane le riprendono per mancanza di controlli, impreparazione, concorrenza. Il pubblico vuole un’informazione non tradizionale, cerca notizie morbose, qualcuno con cui prendersela e ha perso fiducia nella stampa. “Il linguaggio della violenza” è il titolo dell’incontro svoltosi alla Sala del refettorio della Camera dei deputati giovedì 26 gennaio 2018 che ha visto la partecipazione di oltre 100 giornalistiImma GIULIANI, criminologa, e Fabrizio MIGNACCA, psicologo e psicoterapeuta, hanno moderato gli interventi tematici dei relatori:Marco MICCOLI, deputato ed ex sindacalista Valerio MONDA, dell'Associazione di promozione sociale “Tota Pulchra” in sostituzione di Mons. Jean Marie GERVAIS Roberto NICODEMI, consigliere dell'ordine degli avvocati di Roma, Iside CASTAGNOLA, componente del Forum Legalità e Sicurezza, Fabio SANVITALE, giornalista investigativo, Antonella MINIERI, avvocato, Laura APRATI, giornalista Rai, Massimiliano COCCIA, giornalista di Radio Radicale.Francesco TAGLIENTE, grazie alla sua lunga esperienza nella Polizia di Stato con incarichi apicali nelle questure di Firenze e di Roma e alla prefettura di Pisa, ha trattato con estrema competenza il tema della violenza negli stadi e della sicurezza nelle città.La comunicazione è stata il filo conduttore del suo percorso professionale. Ha sempre considerato la stampa, e quindi la comunicazione, una maglia importante della rete della sicurezza anche perché con la comunicazione, ci ricorda FrancescoTAGLIENTE, possiamo produrre e trasmettere sicurezza o insicurezza, fiducia o sfiducia, certezze o sospetto e paura.
+
Mostra n. 505

OTTANT’ANNI DI EUR, VISIONI DIFFERENTI
3 maggio 2018 | Archivio Centrale dello Stato piazzale degli Archivi, 2700144 Roma
Per gli 80 anni dell’EUR, il celebre quartiere sorto nel quadrante sud della capitale, l’Archivio centrale dello Stato, con EUR SpA, ed il fotografo Carlo D’Orta, in collaborazione l’Inail - l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro - hanno presentato l’esposizione: “Ottant’anni di Eur, visioni differenti”, svoltasi giovedì 3 maggio nella sede dell’Archivio Centrale dello Stato, in piazzale degli Archivi, a Roma.La mostra ha voluto raccontare la storia delle più importanti opere architettoniche dell’Eur. Il quartiere, ideato nel ‘35 per ospitare l’Esposizione Universale del ‘42 - mai tenutasi a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale -, rappresenta una delle pietre miliari dell’architettura e dell’urbanistica italiana.Accanto a documenti progetti e planimetrie messe a disposizione dall’Archivio centrale dello Stato, sono state esposte 200 fotografie artistiche scattate da Carlo D’Orta ai palazzi dell’Eur realizzati a partire dalla fine degli anni ‘30 fino ai giorni nostri. Una ricerca da cui è scaturito il libro: “EUR 42/oggi: visioni differenti”, edito con il contributo dell’INAIL.Ad aprire l’incontro il sovrintendente all’Archivio Generale dello Stato Eugenio Lo Sardo ed il Presidente di EUR SpA, Roberto Diacetti. Tante le personalità intervenute, tra cui Vice Sindaco e Assessore alla crescita culturale di Roma, Luca Bergamo.Per l’INAIL, presenti il presidente Massimo De Felice ed il Direttore Generale Giuseppe lucibelloTra i presenti anche l’artista visivo e architetto designer Arnaldo ResseAlla mostra è intervenuto anche anche il notissimo uomo politico e storico dell’arte, Vittorio Sgarbi.
+
Presentazione di libri n. 503

IL VENTO DEGLI ALTRI
19 gennaio 2018 | Casa del Ricordo via di San Teodoro, 7200186 Roma
Pendragon
Evento ricreativo n. 500

ROMA: UNA CITTÀ, UNO SGUARDO D’ARTISTA
16 gennaio 2018 | Aula Giorgio Labò Dipartimento di Architettura largo Giovanni Battista Marzi, 1000153 Roma
+
Convegno n. 400

DA PLATONE AI MODELLI COSTITUZIONALI CONTEMPORANEI: L’AUTOGOVERNO È UN’UTOPIA?
12 maggio 2017 | The Siracusa International Institute for criminal justice and human rights via Logoteta, 2796100 Siracusa
Si è svolto a Siracusa, presso l'Istituto Internazionale per la giustizia penale e i diritti umani, il Convegno nazionale promosso dall'Associazione Nazionale Magistrati e da Unità per la Costituzione dal titolo “Da Platone ai modelli costituzionali contemporanei". Giuristi e filosofi si sono riuniti nella due giorni di dibattito, 12 e 13 maggio 2017, per affrontare e approfondire i temi legati all'autonomia e all'autogoverno della magistratura, in occasione dei 2750 anni dalla fondazione della città siciliana che il filosofo Platone scelse proprio come luogo ideale dove sperimentare la sua idea di Stato. Nel corso della prima giornata, dopo i saluti del vice sindaco di Siracusa Francesco Italia, si è passati ad affrontare il tema coordinato dal Presidente del Tribunale di Catania Bruno di Marco su “Le radici dell’autogoverno”, con gli interventi del Segretario generale dell’Istituto Ezechia Paolo Reale, Andrea Salvatore Maria Migneco, Presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati della sottosezione di Siracura, Salvatore Cesare Amato, ordinario di filosofia del diritto all'Università di Catania. Un momento di riflessione sulla figura del magistrato, anche alla luce delle odierne prospettive di riforma.Il “Governo autonomo della magistratura: Attività, criticità e prospettive dell’attività del Csm” è stato invece il tema della seconda giornata, moderato dal giornalista Rai Nino Amante, con gli interventi dei consiglieri al Consiglio Superiore della Magistratura Paola Balducci, Luca Palamara, Massimo Forciniti, Rosario Spina, Francesco Cananzi. Sono poi seguite le relazioni al Question Time de “I giovani magistrati davanti al Csm”, con il coordinamento di Concetta Grillo, Presidente della Sezione Civile del Tribunale di Caltagirone. Alla seconda parte del dibattito, coordinata dal Presidente della Corte di Appello di Catania Giuseppe Meliadò, si sono invece avvicendati i magistrati Mariano Sciacca, Marco Bisogni, Maria Rosaria San Giorgio, Nello Stabile, Rita Russo, Calogero Commandatore, Michele Ciambellini, Carmelo Celentano, Marco Canepa e Roberto Carrelli Palombi, Segretario Generale di Unità per la Costituzione. L'ambizioso intento del convegno nazionale è stato quello di fornire, al di là del ruolo del magistrato, una valutazione generale, seppur complessa, della forma di autogoverno della magistratura.
+
Presentazione di libri

FEDERICA E BASTA
7 dicembre 2017 | Sala StampaCamera dei deputati via della Missione, 400186 Roma