Cucina solidale
L'Aquila: modelli di resistenza dopo il terremoto. Le nuove generazioni
     
9 aprile 2016


Parlando di cibo, parliamo degli uomini, dei loro sogni, dei loro sistemi di sopravvivenza e ovviamente del rispetto per la natura. In Abruzzo natura e tradizioni locali si coniugano con la conservazione di un elevato livello di integrità ambientale e di un sano sviluppo economico. Il terremoto del 2009 ha colpito l’Aquila e altri 56 Comuni danneggiando gravemente un prezioso patrimonio culturale. L’Aquila è ancora una città fantasma con cantieri aperti ovunque e un’attività commerciale che stenta a ripartire. Chi ha potuto è emigrato in altre regioni o fuori Italia. Altri sono rimasti e resistono. In questa puntata di Cucina solidale si raccontano alcuni modelli di resistenza nel settore della gastronomia. Filippo Cogliandro visiterà alcune aziende casearie che producono il famoso pecorino canestrato, oltre alle numerose varianti di formaggi e mozzarelle con latte biologico dei pascoli abruzzesi. Tantissime sono le eccellenze gastronomiche e i presidi slow food presentati in questo breve viaggio dell’entroterra aquilano.
data-ad-client="ca-pub-4169258852945247" data-ad-slot="2146607812">