EV5856
Convegni – Puntata n. 711 del 8 novembre 2018
SAPIENZA E TAR LAZIO: ACCORDO DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA E DIDATTICA
Convegno
giovedì 8 novembre 2018  |  Sala del Senato Accademico
Palazzo del Rettorato
Sapienza Università di Roma

Durata 05:22


Giovedì 8 novembre 2018 nella Sala del Senato Accademico, all’interno del Palazzo del Rettorato della Sapienza Università di Roma presso la città universitaria di piazzale Aldo Moro, è stato siglato l’accordo di collaborazione scientifica e didattica tra la Sapienza e il Tribunale amministrativo regionale del Lazio.La Sapienza e il Tar del Lazio hanno firmato una convenzione per promuovere lo scambio di risorse e competenze a favore degli studenti avviando una collaborazione su ricerca e didattica.Un rapporto che prenderà le mosse da progetti di ricerca congiunti, capaci di coinvolgere gli studenti in programmi scientifici nazionali e internazionali, permettendo loro l’accesso alle biblioteche, alle pubblicazioni, ai seminari e ai corsi organizzati dalle due istituzioni.Su questa strada, il Tar si è reso disponibile fin da subito ad accogliere gli studenti dei dottorati di ricerca, le scuole di specializzazione e i master, contribuendo all’individuazione di argomenti di comune interesse per monografie e tesi di laurea. Il rettore della Sapienza Università di Roma, Eugenio Gaudio ha messo l’accento sulla qualità e la multidisciplinarietà delle competenze del grande ateneo romano, che a partire dalla scuola di diritto, pezzo importante della più illustre tradizione giuridica italiana, hanno permesso di collaborare con una delle maggiori istituzioni del Paese”. Di una collaborazione virtuosa, sul piano scientifico e istituzionale, ha parlato anche il presidente del Tar del Lazio Carmine Volpe che ha sottolineato come ora il Tar si trovi ad essere in primo piano anche nella formazione scientifica e nell’approfondimento di tematiche essenziali tanto per la vita delle istituzioni pubbliche quanto per la concreta applicazione del diritto”. Presente alla cerimonia anche il Presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi.